Home > Il Karate > Kumite

Il Kumite

La parola Kumite e` composta da "Kumi" che significa "incrociare" e da "te" che significa "mano". Assieme assumono il significato di allenamento con partner e quindi combattimento. Vari sono i tipi di Kumite contemplati dal karate classico. Nel jiyu kumite o combattimento libero gli avversari si confrontano usando tutte le tecniche possibili di attacco e difesa. Grande attenzione deve sempre essere prestata al controllo delle tecniche onde evitare danni all'avversario. Il Kumite libero da competizione è molto diverso dal Kumite classico. Nella competizione molte tecniche proprie del karate non sono ammesse per la loro intrinseca pericolosità. Gli esempi sono molti: gomitate, ginocchiate, testate e tutti gli attacchi alle zone più vulnerabili del corpo. Tutte queste tecniche sono invece ammesse nel Kumite classico, fermo restando la massima attenzione e controllo con i quali tali tecniche devono essere portate. Ovviamente il combattimento reale non conosce limiti di nessun genere ed è quindi buona norma allenarsi fisicamente e mentalmente a subire/parare/evitare tutti i tipi di attacchi anche se portati con controllo. Sostanzialmente il Kumite o combattimento vero e proprio è parte integrante di tutte le Arti Marziali. Nel Karate tradizionale questa pratica non veniva ammessa da tutte le scuole. Il Maestro Funakoshi, padre del Karate moderno, non faceva praticare il combattimento libero dai suoi allievi. Il combattimento infatti ha diverse stratificazioni che sono, in primis, una forma vincolata che viene chiamata Kihon Ippon Kumite. Si pratica poi una forma semilibera di combattimento che prende il nome di Jyu Ippon Kumite, per arrivare alla forma libera denominata Jyu Kumite. All'interno dell'Arte del combattimento esistono una serie di nidificazioni che comportano anche l'uso di armi tradizionali. Si tratta di armi ricavate da utensili di origine contadina, perlopiù, che da tempo antico e soprattutto nel Karate, dal periodo Okinawense, hanno fatto parte dello studio del Karate.